Il nostro programma di ricerca azione Societing4.0, insieme con l’Università degli Studi di Napoli Federico II, con la direzione Inclusione Digitale della RAI, in collaborazione con Maker Faire e PID-Punto Impresa Digitale – Uniocamere e una miriade di partner media e istituzionali, lancia un format di alfabetizzazione alle tecnologie digitali dal titolo Societing4.0: Che cosa sono le tecnologie 4.0. L’intento è quello di fornire, durante i giorni di quarantena, a cittadini e imprese, gli strumenti necessari per addomesticare le innovazioni e rialzarsi da questa crisi.

I contenuti, realizzati da un gruppo di studenti con l’ausilio di 7 scienziati di caratura internazionale dell’ateneo napoletano, gireranno sui canali della RAI e su decine di siti, reti e social media di partner che hanno aderito all’iniziativa.

Il format è stato realizzato da 15 giovani laureati e laureandi del Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II di Napoli ottimizzando i materiali raccolti durante il loro periodo di tirocinio svolto all’interno del progetto PIDMed coordinato dal nostro direttore scientifico Alex Giordano, docente di Social Innovation e Trasformazione Digitale.

L’Università Federico II di Napoli con il programma di ricerca/azione Societing4.0 insieme a Unioncamere ed alla Camera di Commercio di Salerno, ha avviato una sperimentazione triennale, riconfermata per il prossimo triennio, per realizzare il prototipo PIDMed, ovvero un Punto Impresa Digitale a vocazione mediterranea, che tenga in conto delle specificità del contesto socio-economico locale fatto da una miriade di piccole e medie imprese.

Prove generali dell’università del futuro, che vede interconnessi i centri di competenza accademici con istituzioni, imprese e comunità, quelle che hanno fatto i giovani autori di questo format, tutti laureati e laureandi dell’Università Federico II di Napoli presso il Dipartimento di Scienze Sociali, il primo in Italia ad avviare, oltre 10 anni fa, il corso in Culture Digitali.

Sono Francesca Bosio, Dana Cappiello, Lucia Chianese Adriana Iammarino, Alessandra Romano, Luigi Scovito, Alessia Martina Vitelli, Sara Formichella, Martina Foschini, Giuseppe Pellegrino , Valeria Celentano , Davide Procopio, Sara Pastore, Marzia De Luca, Federica Cilona, Maria Antonella Di Nardo  ed hanno lavorato insieme a 7 scienziati di caratura internazionale tutti impegnati presso i laboratori del Cesma (Centro Servizi Metrologici e Tecnologici Avanzati) dell’ateneo napoletano: Alex Giordano (pioniere del digitale in Italia e direttore scientifico del progetto), Bruno Siciliano (Manifattura avanzata/Robotica), Silvia Rossi (Intelligenza artificiale), Giuseppe Di Gironimo (Realtà virtuale/aumentata), Massimo Martorelli (Additive Manufacturing/Stampa 3D), Leopoldo Angrisani (Industrial Internet/IoT) e  Antonio Picariello (Big Data and Analytics).

6 puntate pensate in ottica crossmediale (spot di 30’’; videopillole di 3’; video di approfondimento di 15’; dispense e contenuti testuali) per poter viverle contemporaneamente su diversi device. Da lunedì 30 marzo 2020, infatti, e per tutta una settimana a partire dai canali di RAI SCUOLA e RAI CULTURA i contenuti gireranno su diverse piattaforme digitali sia della RAI che dei tanti partner istituzionali, sulle piattaforme social di Uniocamere e PID e sui tanti media che hanno aderito al progetto ritenuto meritevole dalla Direzione Inclusione Digitale della RAI.

Siamo consapevoli che in periodi dove è necessario stare chiusi in casa a causa di questa quarantena è bene aprire almeno le porte della conoscenza mettendola a disposizione di tutti nella speranza che questo momento serva a renderci consapevoli di almeno parte delle aberrazioni del nostro Tempo (che esistevano gia prima del coronavirus) mettendoci in condizione di fare un salto evolutivo nel quale queste tecnologie evolute, se conosciute e ben “ammaestrate”, avranno senso solo se potranno sostenere l’uscita dalla crisi che inevitabilmente questa epidemia sta generando.

Oltre ai canali Rai i contenuti saranno distribuiti nell’infosfere anche da: Startupitalia, QN Economia, Ninja Marketing, Esquire Italia (Hearst Italia), Social Reporters, Cultura Italiae, Italia Startup, Associazione3040, Consorizio Elis, e molti altri che si stanno aggiungendo…

Se hai una rete, una web tv, un sito, una pagina social ben seguiti e vuoi condividere anche tu questi contenuti scrivici a info@societing.org, ti inseriamo nella rete del palinsesto distribuito che stiamo creando.

I partner istituzionali che supportano Societing4.0: Che cosa sono le tecnologie 4.0

Ministero dello Sviluppo Economico

Campaniaintelligente4puntozero – Regione Campania

Assessorato alla Cultura e al Turismo (Comune di Napoli)

 

Unioncamere

PID – Punto Impresa Digitale

Camera di Commercio di Salerno

 

Università degli Studi di Napoli Federico II

Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università di Napoli Federico II

Cesma – Centro Servizi Metrologici e Tecnologici Avanzati

Osservatorio Giovani 

Campania New Steel

 

Maker Faire

Forum PA

Se volete saperne di più sul progetto PIDMed scaricate gratis il paper Industry 4.0 – La sperimentazione di un modello mediterraneo.

Gallery Fotografica

 

Societing 4.0 è un programma transdisciplinare di ricerca-azione per la social digital transformation che considera insieme l’innovazione sociale e l’innovazione tecnologica, sviluppando conoscenze, anche teoriche, per un modello mediterraneo di innovazione. 

PIDMed, è un prototipo di Punto Impresa Digitale a vocazione mediterranea, che tiene conto delle peculiarità del territorio per favorire un trasferimento tecnologico verso le PMI che sia rispettoso delle loro peculiarità.

I Pid (Punti Impresa Digitale) sono strutture di servizio previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0, varato dal Ministero per lo Sviluppo Economico, attivati sui territori mediante le Camere di Commercio e dedicati alla diffusione della cultura e della pratica digitale delle MPMI (Micro Piccole e Medie Imprese) di tutti i settori economici. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here