Un incontro al vertice tra “il diavolo e l’acquasanta”: il Vaticano ha radunato gli esperti mondiali dell’informatica per scrivere insieme una «Carta etica» sull’Intelligenza artificiale e per richiamare all’uso consapevole ed etico delle tecnologie. «Rome Call for AI Ethics» ha avuto come primi firmatari Brad Smith, presidente di Microsoft, e John Kelly III, vicepresidente esecutivo di Ibm, insieme al Governo italiano.

Non è un accordo ma è un appello a riconoscere la responsabilità che proviene dal moltiplicarsi delle opzioni rese possibili dalle nuove tecnologie digitali. L’obiettivo è aggregare le forze per affrontare le profonde trasformazioni che il nostro mondo sta vivendo e che nessuno può gestire da solo.

In effetti il tema dell’#AlgoritmoEtico apre la questione di cosa sia #etico. Come dice Luca De Biase “più che definire ciò che etico in assoluto, occorre creare un metodo per valutare il vantaggio condiviso tra tutti gli stakeholder”. Cioè, dice, il problema è epistemologico. “L’epistemologia aiuta, sviluppando un senso critico e un sano scetticismo nei confronti delle conoscenze generate dalle macchine”.

La questione si fa tanto più critica se è proprio il Presidente di Microsoft a rimanere stupito del fatto che, in vacanza a New Orleans e dopo aver affittato un caravan, ha iniziato a vedere spot sul Web di veicoli del genere “anche se non ho mai vistato un solo sito dedicato a questi mezzi”.  Benvenuto nel paradiso digitale Mr Smith!

Di seguito gli articoli scaricabili:

Digitalizzazione urbana a misura d’uomo

Europa e intelligenza artificiale la rincorsa che può lanciare l’Italia e il Mezzogiorno

IA e data science, svolta italiana

Il ceto digitale

Loscienziato(pocosocial)dell’intelligenza artificiale

Tribunali e intelligenza artificiale

Un patto tra l’uomo e l’intelligenza artificiale

Un quartiere tecno-intelligente

Dacci oggi un’etica per i robot

RILASSATI, CUCINA IL ROBOT_

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here