#EurosovranitàDigitale

In settimana la Commissione Ue ha approvato il piano Shaping Europe digital future che insieme al Green New Deal guida le priorità dell’Europa per i prossimi 10 anni.

Servono 200 miliardi, tra soldi pubblici e privati, per digitalizzare (e rilanciare) la nostra economia. Ci servono soprattutto per riprendere il controllo dei nostri dati disseminati in Rete. Per uscire dalla morsa la Ue punta a diventare un centro autonomo di stoccaggio lanciando un cloud pubblico europeo e una serie di “big data factories”. Il nostro diventa il primo continente a introdurre regole obbligatorie sull’intelligenza artificiale incorporando il codice etico finora non vincolante. Gli algoritmi non potranno “ragionare” in modo razzista o discriminatorio: se quelli importati da fuori (ad esempio dalla Cina) si dimostreranno basati su dati che incorporano valori contrari ai diritti fondamentali, dovranno essere azzerati e reimpostati. Inoltre i sistemi di intelligenza artificiale dovranno essere «trasparenti, tracciabili e garantire il controllo umano» in settori ad alto rischio come salute e trasporti. Bruxelles punta anche a proibire il riconoscimento facciale di massa: potrà essere ammesso solo in casi eccezionali, giustificati dai governi con criteri definiti dopo un dibattito pubblico europeo.

L’Europa saprà guidare nuovi #rinascimenti?

Di seguito gli articoli scaricabili:

Dati individuali con diritto d’autore

Digitale, così la Ue colmerà il diavrio con gli USA

Dove osano i droni

Intelligenza artificiale la sfida etica è possibile

Internet d’Europa

L’intelligenza artificiale pronta al volo

La ragazza che vive in un solo emisfero

Ue, sul digitale una strategia

Un piano Ue per governare l’intelligenza artificiale

Zuckerberg in missione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here