In Italia si è ormai consolidata l’idea che l’innovazione digitale debba passare per il modello startup/venture capital di origine Californiana. È dalla metà degli anni Novanta che il termine startup circola nelle discussioni sull’innovazione nel nostro Paese, e nell’ultimo decennio è diventato il modello dominante in assoluto.

Da visioni per ‘l’industria 4.0’ al decreto crescita del governo Conte, passando per iniziative per valorizzare quartieri in degrado e contrastare la disoccupazione giovanile, ‘investire in start-up’ è diventato parte del senso comune di gramsciana memoria. Ma ha senso investire in startup? Quanto funziona l’ecosistema startup in Italia? Quanto è in grado di generare ricchezza e crescita? Quanto corrisponde il senso comune alla realtà?

Sul numero 6 della Rivista IL MULINO i nostri Adam Arvidsson e Vincenzo Luise trattano il Caso Italia: Il sistema delle startup e l’innovazione possibile.

Potete Scaricare qui il pdf in versione gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here