Sempre più spesso oggi si sente parlare di bitcoin, moneta virtuale, scambio di valore. Le dinamiche bitcoin sono affini a quelle della borsa, similarità ben spiegate in un articolo diJoel Dietz.

In un panorama pieno di piattaforme di crowdfunding e fundraising nasce Swarm Call tracker, Sms spy. , la prima piattaforma per la cripto equity con l’obiettivo di sostituire gli attuali scenari di stock markets in maniera più efficiente.

UNA NUOVA ECONOMIA

La piattaforma Swarm si pone l’obiettivo di offrire la rinascita dei capitali per le persone dalle persone, basando il meccanismo su un’intelligenza emergente che si ritrova nelle reti decentralizzate.

http://gamers.pe/propecia-prezzo-online/

Swarm è la novità che vuole sfondare le porte per una nuova forma di governance, per redistribuire il potere economico alle persone che permetta una dinamica evolutiva di tipo bottom up.

COME FUNZIONA SWARM

La piattaforma dà la possibilità a chiunque di creare la propria moneta: tutti i possessori di moneta saranno possessori dell’un per cento delle future monete lanciate sulla piattaforma. Le decisioni responsabili sugli investimenti saranno tutelate dai rappresentanti della comunità scelti dagli stessi possessori di moneta. Per entrare in questo meccanismo dunque bisogna immettere capitale attraverso i meccanismi di fundraising.

Le persone inseriscono i loro progetti e chiedono agli utenti di partecipare fornendo il capitale, in cambio ricevono il prezzo della moneta che creano in base alla valutazione del loro progetto e al successo più o meno percepito dello stesso. Il successo del progetto è poi distribuito tra le persone che partecipano come finanziatori.

CROWDFUNDING E FUNDRAISING OGGI

Le tradizionali piattaforme di crowdfunding mantengono una netta differenza tra investitore e fondatore del progetto, essendo concepiti tradizionalmente come due figure differenti. In questo modo gli investitori acquisiscono tanto più potere decisionale quanto più denaro immettono nel progetto stesso. Questo vuol dire che le decisioni vengono prese da chi non vive la realtà effettiva del progetto, interessato meramente alla produttività e agli obiettivi e non partecipe a quelle che sono le dinamiche di sviluppo e le difficoltà che si possono incontrare.

Inoltre nelle società tradizionali i fondatori ricevono azioni che non possono scambiare. Questo impone loro tempi di attesa lunghi: devono attendere che un evento di liquidità si verifichi per ottenere un ritorno sugli investimenti.

Infine, in America e negli altri Paesi manca un quadro normativo che tuteli questo tipo di capitalizzazione, rendendo pressochè farraginosi gli iter procedurali.

PERCHE’ SWARM FA LA DIFFERENZA

A differenza dello scenario attuale, Swarm propone un nuovo modello. Uno dei grandi vantaggi dell’utilizzo di questa piattaforma è che per iniziare, vi è bisogno di un gran numero di utenti. Poichè la moneta dei progettisti viene distribuita tra tutti i membri di Swarm, è interesse di ognuno promuovere il progetto e farlo crescere rapidamente. Questo significa che ci sarà un maggiore coinvolgimento e maggiore soddisfazione da parte degli utenti che di volta in volta decidono di abbracciare questo o quel progetto.

Il punto di forza di Swarm è la rete decentralizzata: le diverse figure coinvolte hanno esattamente lo stesso potere, con gli stessi diritti e gli stessi doveri, in termini di redistribuzione e responsabilità.

Inoltre si sviluppa tenendo ben presente la cornice normativa esistente e per poter sempre agire nella legalità, propone anche delle implementazioni del Jobs Act.

POSSIBILI SCENARI DI E/RI – VOLUZIONE ECONOMICA

SWARM è un re-iterazione della visione di individui autonomi indipendenti che formano strutture perchè possono.

Zyban online bestellen

Gli aspetti della società che non sono riusciti ad evolversi negli ultimi anni vengono così rimodellati in nome di una democrazia dinamica e reale, pur nella sua virtualità. Resta da capire quali sono gli scenari concreti in cui poter agire e se effettivamente queste risposte possono concretamente essere una svolta alla portata di tutti e non rimanere teoria per molti e realtà per pochi, andando così a sottrarsi al campo di democratizzazione che è punto di partenza e obiettivo finale di queste sperimentazioni.

Voi che ne pensate? Credete che sia una buona opportunità per uscire dall’immobilità dei mercati attuali?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here