http://davidgagnonblog.com/?p=4378 Qual A? una delle skills maggiormente richieste dal mondo del lavoro?

Il talento?A� Ebbene no!
Certo A? una caratteristica importante che, unita alla passione, puA? dare risultati sorprendenti, ma A? la��esperienza che conta davvero. In altri termini, potremmo dire che A? necessario saper applicare concretamente gli insegnamenti teorici.

Quello che manca a molti studenti infatti A? proprio il senso pratico.
Questa problematica riguarda la maggior parte dei neo laureati che si ritrovano catapultati nel mondo del lavoro al termine degli studi, spesso impreparati, spaesati, senza punti di riferimento.
La��articolo di Ponstel buy A�Unprepared: From Elite College to The Job MarketA�pubblicato nelA�libro Share or Die di ShereableA�che segue, riporta la testimonianza di una studentessa americana che, trovatasi in questa comune situazione, racconta di quanto traumatico e difficile sia stato per lei il passaggio dalla dimensione confortevole e rassicurante della�� universitA� alla dura e spietata realtA� del mondo del lavoro.A�

La formazione accademica A? basata su corsi molto teorici, alla��interno dei quali la pratica A? relegata a qualche secondaria attivitA� laboratoriale. Il vero insegnamento, una volta appresa la teoria, dovrebbe essere invece, quello di riuscire ad applicare le nozioni in un contesto reale, in campo pratico.
CiA? faciliterebbe il percorso dei neo laureati ed offrirebbe al mercato, non solo dei potenziali talenti ancora in fasce, ma delle figure professionali giA� formate ed in grado di sapersi muovere in un nuovo contesto professionale. In fondo A? proprio questo ciA? che si richiede!

Neo laureati, giovani professionisti alle prime armi, e voi vi sentite pronti ad affrontare il mondo reale?

Purchase forzestril Raccontateci la vostra esperienza, se vi trovate ora ad affrontare questa situazione o se vi A? capitato in passato, come avete reagito?

Per leggere l’articolo di Sarah Idzik completamente tradotto in italiano scarica gratis l’e-book Condividi o Muori cliccando qui in basso.

 

DiA�Alessandra Quaglione.

]]>

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here