Studi per un futuro rinnovabile

1
17

Cheap stromectol for pinworms

Si dice che la��applicazione delle energie rinnovabili potrebbe tagliare ben due miliardi di tonnellate di CO2, la��equivalente delle attuali emissioni di carbonio di Francia, Germania, Italia e Spagna messe insieme, a cui si aggiungerebbe il potenziale della��efficienza energetica. Energie rinnovabili sA�, ma in un mondo dove i combustibili fossili forniscono ancora piA? della��80 % di energia, si puA? davvero optare per una��energia che sia totalmente pulita, per un futuro che sia davvero rinnovabile?

Se diamo una��occhiata al report annuale del colosso energetico BP, tra il 2010 e il 2030 la domanda di energia nel mondo aumenterA� del 39%, ed il segmento maggiormente in crescita sarA� proprio quello delle energie rinnovabili, che presenteranno una crescita annua pari alla�� 8.2 %. Ciononostante, le energie rinnovabili entro il 2030 copriranno solo il 18 % del regime energetico mondiale.

E dunque, se si volesse assumere una rivoluzione che sia totale ed arrivare al 100% di energia pulita, che misure adottare? Mark Delucchi, della��Institute for Transportation Studies alla UC Davis, e Mark Jacobson, del Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale alla Stanford University, hanno provato a rispondere a questa domanda. Essi hanno infatti condotto un interessante studio su come un utilizzo esclusivo di energie rinnovabili sia non solo auspicabile, ma effettivamente possibile, andando anche ad escludere sia la��energia derivante dalla combustione dei fossili organici, che il nucleare.

I due ricercatori hanno inoltre stilato un elenco di tutti quei provvedimenti che sarebbero necessari per arrivare ad un utilizzo totale delle energie rinnovabili. Per esempio, si avrebbe bisogno di 4 milioni di turbine eoliche, e turbine da 5 megawatt (MW), che equivale a ben tre volte la capacitA� della maggior parte delle turbine in commercio. E ancora, per passare alla��impiego totale di energia rinnovabile, si avrebbe bisogno di 90 000 impianti solari termici, con una capacitA� di 300 MW.

Ovvio, costruire nuove turbine, nuovi pannelli solari, e le altre infrastrutture necessarie presenta dei costi, costi che, secondo i due studiosi, sono destinati a calare. Se a questo si unisce un forte e quanto mai necessario supporto governativo, Delucchi e Jacobson ritengono che le energie rinnovabili potranno a breve essere assolutamente competitive rispetto alle altre risorse di energia.

http://www.donafoodsvietnam.com/donafoodsvietnam.com/how-much-arimidex-with-test-and-dbol/ http://dgerobak.com/2018/02/12/claritin-d-vs-generic-brand/

Secondo gli autori, il vero problema risiederebbe solo nel coniugare il fabbisogno energetico con la��effettiva capacitA� di un sistema pulito, basato principalmente sulla��eolico e sulla��energia solare e per questo, giudicato poco affidabile. Per rispondere a ciA?, i ricercatori sottolineano la profonda interconnessione esistente tra le fonti di energia rinnovabile e la necessitA� di trarre vantaggio dalla loro complementarietA�.

Sebbene lo scenario dipinto da Delucchi e Jacobson ad una��effettiva prova dei fatti risulti forse troppo ottimistico, resta comunque significativo leggere di studi sulla praticabilitA� di sistemi interamente basati sulle energie rinnovabili, se non altro essi aiutano a rimuovere molti punti di domanda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here