Intervista a Bernardo Parrella di GlobalVoicesOnline.org

1
23

Stamane vi proponiamoA�un’intervista registrata durante dueA� Combivent aerosol costo giorni delle MurateA�presso laA�RFK Foundation of Europe, aA�Bernardo Parrella,A�giornalista, traduttore, attivista – smart quanto basta – ed esperto di cultura digitale, social and new media e giornalismo online.

Collabora dagli Stati Uniti con varie testate e progetti internazionali, tra cuiA� Stampa Alternativa, L’Indro, Lsdi.it, LaStampa.it, Pingtheworld.it ed A? co-fondatore dell’associazione culturale e sito VociGlobali.it – edizione italiana di Global Voices OnlineA� – e Fondazione <ahref.

A�Global Voices Online A? una rete internazionale che a�?ha l’obiettivo di aggregare, far conoscere e amplificare la conversazione globale che avviene online – mettendo in evidenza luoghi e persone che gli altri media spesso ignoranoa�?. La sua mission A? quella di creare strumenti e relazioni perA� consentire a tutte quelle voci di poter essere ascoltate. Ma, come ha detto nel corso dell’intervista, GV A? soprattutto una community di persone che lavorano e si tengono in contatto grazie alla tecnologia,A� maA� che coltivano anche legami personali nei meet-up che organizzano in giro.

Parrella ha espresso una visione critica della definizione di http://mttaborsoap.com/?p=13696 smart dissident, mettendo in questione tanto i creatori di questo genere di etichette quanto chi, in Italia ma non solo, assume il suddetto ruolo solo per ottenere visibilitA�.

“La tecnologia aiuta” – riconosce Parrella – ma le cose che contano davvero sono ancora la strada e l’impegno personale quotidiano. In questo senso dunqueA� l’azione di Global Voices A? interessante, in quanto si tratta in gran parte di un lavoro – volontario – “sporco”, di background, di editing e soprattutto di verifica delle fonti: un ruolo di gate-keeping insomma che A? di grande importanza, anche se forse di poca visibilitA�, per la credibilitA� stessa dell’open journalism.A�.

La tecnologia A? una strategia, potenzialmente anche molto smart. Ma l’obiettivo, at the end of the day, A�A? restare umani.

Topamax treatment bipolar disorder

Articolo e video intervista a cura diA�Laura CiomeiA�eA�Giulia Martini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here