Filosofia

  • Sharebar

Dal marketing…al societing. Breve storia dell’evoluzione dei mercati: Qual è il ruolo dell’impresa in un contesto in cui il valore sociale diventa fondamentale per il perseguimento di un’etica globale? Le nuove istanze sociali dal basso possono avere un impatto concreto sulla struttura economica delle aziende? Cosa significa redistribuzione del valore prodotto dagli utenti della rete? In che modo applicare questa redistribuzione concretamente all’interno della società?

Si avverte l’esigenza di una etica, intesa come Aristotele insegnava: etica come produzione di forme di vita in una situazione nella quale queste tendono a non essere più date dalle tradizionali istituzioni.

Le imprese diventano sempre più aperte, si costituiscono sempre più come dei network sociali e questo comporta nuove forme di legami e di responsabilità verso quel sociale da cui sempre di più derivano il loro valore. Questo implica la necessità di una nuova filosofia, non solo di mercato, ma delle imprese nella loro totalità: noi la chiamiamo Societing.

Viene a manifestarsi la necessità di lavorare con i legami sociali, di ‘fare società’ instaurando nuove relazioni produttive che riescano sia a contribuire al bene comune, sia a generare quella legittimità e quell’ entusiasmo necessari  per il funzionamento e la competitività di un’ impresa. Questa necessità sta emergendo come un modo di aprire nuove fonti di valore e come un imperativo centrale per la sopravvivenza a lungo termine: sfruttare le capacità di organizzare processi di produzione -materiali e immateriali- che coinvolgono una larga moltitudine di attori, fra cui i consumatori stessi.

Il punto è che assistiamo ad un’ esplosione della produttività del sociale. La produzione di saperi non è più il privilegio delle imprese, e fra poco neanche la produzione materiale. Questo fa pensare che non saranno solo le imprese a trovare le soluzioni di cui abbiamo bisogno per superare il difficile periodo di transizione che ci aspetta. Queste verranno dal basso, da milioni di piccoli imprenditori, inventori, hackers e scienziati-amatori.

In questo modo l’impresa che pratica societing si trasforma da un’entità monolitica, insensibile al suo ambiente, in una comunità produttiva estesa tenuta insieme da un ethos comune. ll societing, come lo vediamo noi, è un tentativo di assecondare il processo di socializzazione dei processi produttivi.

Scarica qui il nostro Manifesto.