Progettare Piattaforme Positive / Design Positive Platforms | Societing Workshop , 30 luglio 2016.

Questo articolo è stato scritto da societing

  • Sumo

Conoscere gli strumenti essenziali per disegnare piattaforme che arricchiscano la società e trasformino le nostre comunità in positivo.

Gli strumenti del design e le tecnologia oggi disponibili,  attraverso la connessione  di utenti e aziende in peer-to-peer rappresentano i principali sistemi che riescono ad impattare sulla società e sull’ impresa. In particolare quello delle piattaforme rappresenta il modello privilegiato del business del 21° secolo, capace di snellire i processi di coinvolgimento e facilitare il design della customer experience.

La discussione sulle piattaforme i loro impatti è oggi chiave: la EU ha appena rilasciato le sue direttive di regolamentazione e molte sono le perplessità che circondano le piattaforme e gli impatti sistemici che esse possono avere sulle nostre realtà.

Dopo la trasformazione di mercati chiave come il trasporto o il turismo, abbiamo compreso che il modello piattaforma offre possibilità importanti in tanti nuovi contesti: dai giganti storici come Google, Apple, Amazon passando per i nuovi giganti come Uber e Airbnb si arriva a mercati più piccoli, nicchie, mercati locali, comunità.
Tale approccio, grazie anche a strumenti più semplici di progettazione consente di essere adottato da chiunque.

 

Simone Cicero Progettare Piattaforme PositiveIl workshop di Societing “Progettare Piattaforme Positive/Design Positive Platforms” si proporrà di comprendere quelle che sono le transazioni base nel vostro mercato o missione di riferimento,  di creare i canali giusti per renderle sostenibili e  sviluppare servizi che supportino gli utenti produttori e consumatori nel generare più valore, accumulare più reputazione e migliorare le proprie competenze.

Simone Cicero illustrerà come utilizzare un insieme di strumenti capaci di innescare i processi di progettazione di piattaforme, riconosciuto come il Platform Design Toolkit,  già utilizzato e studiato in tutto il mondo da Startup di successo e impatto come Sharing Academy, OSVehicle, SlowD e altre, da grandi gruppi internazionali come Hutchison Whampoa, Adeo, Transdev e adottato da Business Schools europee e americane nei corsi di master. In questa cornice il Platform Design Toolkit verrà messo a disposizione dei partecipanti.

Il workshop vedrà una fase analitica che abiliterà i partecipanti a comprendere il proprio ecosistema di riferimento, individuandone la catena dei valori. Una seconda fase progettuale in cui verrà sviluppato il prototipo di piattaforma positiva.

Il workshop è strutturato e pensato per:

  • Funzionari pubblici, Civic Innovators e imprenditori sociali che vogliano capire come aumentare l’impatto sociale dei servizi collaborativi con minori investimenti.
  • Creativi, Designer e Consulenti che vogliano usare un set di strumenti di design semplici da usare, chiari e efficaci per progettare soluzioni positive e al passo coi tempi.
  • Gestori di comunità di innovazione e di prodotto servizio – dalle piattaforme digitali agli spazi collaborativi come incubatori, makerspace, coworking.
  • Manager che si occupano giornalmente di innovazione nelle grandi e piccole aziende, che vogliano creare nuovi prodotti con una attenzione speciale all’impatto che questi prodotti e servizi generano.


Dove, quando?

Il workshop vedrà il supporto e la supervisione di Alex Giordano e si svolgerà nella splendida sede del Rural Hub (Residenza rurale “L’incartata” – Calvanico, Salerno), sabato 30 luglio 2016.
Per maggiori informazioni e prenotazioni: “Progettare Piattaforme Positive/Design Positive Platforms”

òòò

Commenta