Riace, piccolo paese del sud Italia, forse piA? noto per i bronzi di Riace, due statue splendidamente conservata a grandezza naturale in bronzo greco ritrovate nel Mediterraneo al largo della costa, sta vivendoA� una Cheap flomax pills storia di diverso tipo in questi giorni.

Il sindaco di Riace, Domenico Lucano, ha trovato un modo per far integrare i rifugiati disperati provenienti da paesi diversi, e anche il modo per salvare l’economia della cittA� come bene. Secondo un recente rapporto della BBC: ” gli immigrati sono attivamente incoraggiati a venire a Riace, dove il sindaco ha creato un regime speciale per loroa�?. Oggi piA? di 200 rifugiati hanno trovato lavoro in decine di paesi e vivono fianco a fianco con i locali (come riporta anche dal blog della p2pfoundation)

La��esperimento di Riace

Riace A? a poche miglia dalla costa, arroccato sulla cima di una collina sopra campi pieni di pecore e boschetti di alberi di arancio.

Riace A? un piccolo villaggio che non conta piA? di 1700 abitanti, e dispone di un buon numero di case lasciate libere dai migranti locali partiti in cerca di fortuna per gli USA, Nuova Zelanda, Argentina.

Lucano riconoscendo la necessitA� di arginare la perdita di popolazione e la crisi economica derivante da questa, ha deciso di ospitare 230A� rifugiati e i richiedenti asilo politico provenientiA� dal A�Ghana, dalla�� Afghanistan, dalla Palestina, dalla Serbia, dalla Somalia, dalla��Eritrea e dalla�� Etiopia in cambio della loro forza lavoro.

La��idea A? vincente e vantaggiosa per ospiti e ospitanti: il comune di Riace ha dato agli a�?ospitia�? un tetto sotto cui dormire sfruttando le case disabitate da tempo e trasformandone alcune in laboratori artigiani, ha coniato appositamente una monete locale che permette loro di affrontare le spese quotidiane vivendo in totale armonia con la popolazione locale e la sua economia.

Riace ne ha tratto sicuramente vantaggio evitando il tracollo finanziario e la chiusura di scuole e asili; ma non A? tanto questo che deve essere a mio avviso sottolineato quanto il successo della��integrazione tra etnie cosi radicalmente differenti.

Il quotidiano italiano La Repubblica descrive l’esperimento di Riace con laA� piena integrazione degli stranieri nel tessuto sociale locale.

La moneta di Riace

Il Mahatma Gandhi sulle banconote da 50 euro, Martin Luther King su quelle da 20, Che Guevara e Peppino Impastato sui tagli da 10 e il cuore grande dei piccoli comuni sulla cartamoneta da 1, 2 e 5 euro sono le monete rilasciate dal sindaco di Riace, Domenico Lucano, per aiutare i rifugiati. In questa cittA�, eritrei, etiopi, somali, persone provenienti da Ghana e dalla�� Afghanistan, cosA� come palestinesi e serbi vivono pacificamente tra di loro e con i locali italiani. Non solo gli stranieri sono benvenuti, sono in realtA� voluti qui per aiutare la cittA� ad arginare la perdita di popolazione e per salvarla dal degrado sociale.

I rifugiati in piccole cittA�

La situazione qui A? diversa dalle altre cittA� vicine, dove la��integrazione non A? cosA� armoniosa. Con una popolazione di sole 1800 persone, Riace ha dato un posto in cui rimanere a 230 rifugiati e richiedenti asilo politico e ha fatto bene. Fornendo un tetto e lavoro a queste famiglie di stranieri, la cittA� ha evitato di dover chiudere le scuole per mancanza di studenti ed ha ridato vita a molte delle case abbandonate dai loro proprietari emigrati in luoghi lontani come il Canada , Australia e Argentina. I nuovi arrivati a��a��sono sostenuti da leggi che favoriscono i rifugiati e richiedenti asilo.

La��idea della moneta locale

Ma il ripopolamento A? piA? veloce del tempo che ci mettono i finanziamenti pubblici a entrare nella disponibilitA� del comune “C’A? un ritardo di 6 o 7 mesi” dice il sindaco Lucano. Per colmare questo ritardo burocratico, che non prende in considerazione le necessitA� della vita quotidiana, il primo cittadino ha deciso di creare il proprio denaro. Ha creato le banconote stampate con le immagini di figure sociali e politiche che gli piacevano e poi ha dato i soldi ai i rifugiati, che li usano per comprare le cose nei negozi locali della cittA�. I negozianti utilizzano quelle banconote, come buoni pasto e poi in seguito, quando i soldi federali arriveranno, potranno cambiarli con i contanti presso la tesoreria http://www.7huehner.de/?p=2178 comunale.

200 Euro a testa per sostenere la vita

“Stiamo utilizzando questo sistema per sostenere l’economia locale” – dice il sindaco – “e noi diamo in concessione una certa autonoma ai beneficiari. Questo A? molto importante per le relazioni umane in cittA�. Inoltre, la nostra spesa diventa molto trasparente e facile da verificare. “I rifugiati hanno diritto a ricevere 200 euro a settimana per le loro spese. CiA? significa che una famiglia di quattro persone ha 800 Euro per organizzare la loro vita e non devono pagare l’affitto. E ‘tutto pagato in moneta locale – A? quasi come dire Riace A? l’isola dei sogni, un luogo dove si trova una casa per coloro che non ne hanno una, dove la convivenza A? possibile nonostante le differenze di lingua, cultura e religione, e dove – quando non ci sono soldi – vengono stampati all’istante.

Wenders: Riace A? la vera utopia

I progetti di ospitalitA� hanno dato lavoro per i giovani della cittA�, e ciA? che sta accadendo a Riace A? diventato noto in tutto il mondo. Il regista Wim Wenders ha trasformato la storia in un primo documentario 3D professionale e ha detto a Berlino che “la vera utopia non A? stato il muro di Berlino – ma ciA? che sta accadendo in alcune cittA� della Calabria, prima di tutto a Riace “.

Un modello praticabile a�� Il Risparmio per lo Stato

Questo A? un esempio di primaria importanza perchA� dimostrare che, prima del “villaggio della solidarietA�” di Mineo, il sistema d’asilo in Italia funzionava, pur con tanti limiti. La ricetta A? quella di integrare piccoli gruppi di rifugiati e richiedenti asilo, e distribuirli in tutto il paese, in accordo con le comunitA� locali. Il vantaggio principale del sistema A? che i costi per lo Stato sono stati tenuti bassi.

L’articolo prosegue confrontando il sistema di integrazione diretta dei rifugiati in piccole comunitA� con un governo imposto militarmente, dove i costi sono probabilmente molto piA? alti, e forse i risultati non sono quelli che potrebbero esserci in termini di aiuti umanitari per chi cerca rifugio.

La moneta emessa dal sindaco di Riace A? poco piA? di un “segnaposto”per il momento ognuno deve aspettare lo Stato per ottenere finalmente la sua roba insieme a ciA? che A? da pagare, ma poi … A? una moneta comunque? Solo un pezzo di carta o una voce di registro che ci aiuta a tenere traccia di chi ha cosa e chi deve ancora ottenere. Alla fine, A? davvero solo informazione ed i pezzi di carta certamente sono di aiuto per tenere i conti.

http://gilpincarwash.com/?p=16014

La��integrazione A? possibile se il lavoro viene condiviso non conteso

La��integrazione A? possibile solo con una riconosciuta e condivisa dignitA� del lavoro che non va conteso ma condiviso A? questo il segreto del successo che ha permesso a Lucano e alla sua Riace di divenire un esempio famoso nel mondo di armonia culturale. PerchA� allora non diffondere a�?il modello Lucanoa�? invitando le forze politiche in carica a muoversi realmente verso la direzione di una reale e genuina integrazione? Tutti noi potremmo imparare qualcosa da questo piccolo villaggio, dai suoi ospiti e dai suoi ospitanti.

Chiara Console

]]>